martedì 24 marzo 2009

Il poeta della Nova Invicta, Nikola "Pullcin' " Todorov...

Al sol vedere il villico villano
e il petto suo villoso,
tanto m'avvilì e mi feci vile
che disio non ebbi altro
che tornare nell'ovile

Ma nel suddetto ovile,
in posa vescovile
furioso come un toro
vi era il Candiloro

Mi guarda un po' accigliato,
mi sento minacciato
e torno un po' tremante
dal villico gigante

Feroce nel sembiante,
ancor di più nel modo,
lui cerca d'agguantarmi
per farmi tutto un nodo.

Io prontamente schivo,
veloce piroetto
e il mio cervello chiudo
dentro ad un bel cassetto

Lo scatto di follia
è ormai così vicino
che un gran silenzio scende
su tutto il popolino.

Con occhi già sgranati
e nari palpitanti
riesco a andare sotto
di almeno venti punti

Ed io che ero convinto
di essere un campione
e tutti lo dicevano
farai un figurone

Velocità da scerpola,
ferocia da ghiottone
adesso non mi sento
altro che un coglione.

Bisogna certo ammettere
ch' è andata una schifezza
quasi quasi mi butto
nello sputnik della munnezza

Ma poi tutto d'un tratto
scendendo dal quadrato
mi accorgo che il nemico
un poco sta chiegato

Cammina chianu chianu,
nu poco strascinato
mi addono con piacere
che a capa s'è spaccato

Come mi vede il mestre
dice che son pedestre,
o strunz' cchiu terribbile
sopra il globo terrestre

"Ti rendi conto, e' pers'
e che figura e' cazz'
la ngopp' me parivi
cchiu insolito e nu pazz' "

"Maestro mi dispiace,
ma statemi a sentire
io una sola cosa
a voi vi debbo dire

Guardatavello bbuono
a chillu scumbinato
e poi vi accorgerete
che l'aggio cumbinato

Prima miezz' e mazzate
jenno comm' a nu razzo,
avraggio perso pure,
però aggio rutt' o' mazz' "

Nessun commento: