mercoledì 31 marzo 2010

Difesa da strada...

... come ho ripetuto più e più volte della difesa da strada e di tutte le metodiche relative me ne frego... però ho anche ripetuto spesso che un bravo lottatore in strada non è il soggetto "ideale" al quale andare a rompere le scatole.

Due balordi , a Roma, hanno puntato quel piccoletto con gli occhiali e la faccia da fessacchiotto che, con aria da "terrucello paesanotto", camminava per i fatti suoi con il suo bel trolley...
Cosa avranno pensato i nostri impavidi malfattori? soldi facili! giusto?
Tra tante vittime, i due scarti della società, hanno scelto il buon Ciro Ruotolo che stava raggiungendo il resto della nazionale per recarsi in Polonia per disputare il mondiale di Grappling... poverini.
Volete sapere cosa si prova ad avere a che fare con uno dei cani della Nova Invicta?

domenica 28 marzo 2010

Mondiali di Grappling 2010 prime notizie...

Tutti qualificati per Pechino!!!

Sabato 27 marzo
No-Gi
Serrini 2 posto nella 80kg
Klammstainer 3 nella 60kg
Raffi 5 nella 90kg
Ruotolo 8 nella 70kg , squalificato prima dell'overtime nei quarti contro lo spagnolo per aver bevuto un goccio d'acqua durante l'interruzione del match (regola sconosciuta a tutti...)
Marsura ha fatto 5 nei 65 kg

Domenica 28 marzo
Con il Gi
Ciro Bronzo nel GI eliminando al primo turno un certo Din Thomas (cintura nera di liborio , ex ufc e professionista di mma)
Raffi argento

Assoluto No-Gi
Strazzullo 5to nell'assoluto NOGI...

C'è poco da dire, i risultati parlano chiaro!
Bravi tutti e, concedetemelo, bravissimo Ciro che ha saputo solo una settimana prima che avrebbe avuto l'onore di partecipare al Mondiale!

Adesso ci aspettano le ultime gare sul territorio nazionale e poi obiettivo Pechino... sarà un estate ROVENTE!!!

venerdì 26 marzo 2010

27/28 Marzo 2010 Mondiali di Grappling

Dal sito della FIGR...

"La Nazionale Italiana di Grappling, sotto la direzione del Responsabile Tecnico Saverio Longo, ha svolto sabato 20 marzo a Roma un allenamento collegiale di preparazione per il Campionato Mondiale che si svolgerà a Cracovia il 27 e 28 marzo 2010.

L’atleta Alessio Di Liberti, titolare a 70 kg, ha comunicato alla Federazione di essersi infortunato e di non poter partecipare al Campionato Mondiale. La FIGR, ricevuta la notizia con grande rammarico, è stata costretta a trovare un sostituto al nostro campione infortunato. La scelta obbligata sarebbe stata quella di portare Paolo Strazzullo, secondo classificato alla selezione per la categoria 70 kg, ma considerata la difficoltà a scendere di peso in una settimana, Strazzullo in accordo con la Federazione ha deciso di rinunciare ed è stato quindi convocato Ciro Ruotolo (terzo classificato alla selezione per la categoria 70 kg).

La Nazionale Italiana che parteciperà al Campionato Mondiale sarà quindi la seguente:


Maschile

60 kg Ceppi Alberto (No-Gi)

60 kg Rimella Alessio (Gi)

65 kg Marsura Marco

70 kg Ruotolo Ciro

75 kg Strazzullo Paolo

80 kg Serrini Bernardo

90 kg Raffi Lamberto

110 kg Stabile Filippo

Assoluto Nosei Riccardo


Femminile

60 Klammsteiner Julia



La Federazione ringrazia gli atleti Michele Verginelli, Giuliano Pennese, Alessandro Pecorella, Manuel Sances, Giovanni Bastianelli, Daniele Scatizzi, Danilo Capuzi, che hanno partecipato all’allenamento collegiale dando un ottimo contributo alla preparazione dei nostri nazionali.

La Nazionale partirà giovedì 25 marzo e rientrerà in Italia lunedì 29 marzo.

In bocca al lupo ragazzi !"

sabato 20 marzo 2010

Una settimana con il nostro Mestre…


Rogerio e Giulio...

Ebbene si, ce l’abbiamo fatta … dopo anni di sbattimento l’accademia c’è, è numerosa (due sedi Salerno e Capaccio Scalo!) ed è stata in grado di ospitare per una settimana il nostro maestro Rogerio “E.T.” Olegario, cintura nera III° Dan di Jiu Jitsu brasiliano allievo del Maestro Osvaldo Alves.
E’ superfluo elencare tutti i vantaggi, le tecniche e gli spunti che abbiamo preso e appreso in una settimana di Jiu Jitsu NO STOP di qualità sopraffina, quello che più mi ha entusiasmato è stato lo spirito con cui Rogerio si è calato nella nostra accademia (la nostra scuola è spesso sopra le righe … non è proprio l’immagine della marzialità!)
Si è scherzato, ci siamo divertiti, abbiamo “pariato” addosso a Christian tutta la settimana … non ci siamo fatti mancare nulla!
Ovviamente non è stato un evento isolato, questa è solo la prima di una serie di visite periodiche nella nostra accademia …
Che dire … tra gli approfondimenti tecnici mensili con il Maestro Marco Galzenati e le visite del Maestro Rogerio Olegario in Campania (Napoli, Caserta e Salerno) c’è solo da migliorare.

Martedì 16 marzo... il primo giorno a Salerno.


A Capaccio Scalo (SA) mercoledì 17 marzo seconda giornata di allenamento...


20 Marzo a Salerno... ultimo giorno, ci siamo concessi una giornata No-Gi (occhio a i pantaloni di Americo "Troll" Galdi... Rogerio stava morendo quando li ha visti!)

La settimana si è conclusa con la convocazione inaspettata in nazionale, causa infortunio del bravissimo Alessio Di Liberti (Rio Grappling Club), di Ruotolo per il Campionato del Mondo di Grappling del 27/28 marzo 2010 in Polonia... in bocca al lupo Ciro!

lunedì 15 marzo 2010

Lasciamo l’orgoglio a casa…

Quando ci alleniamo prima di pensare alla tecnica da imparare, al gioco da migliorare, alle lacune da colmare, ascoltiamo il nostro corpo e stiamo attenti a quello del nostro compagno di allenamento.
Orgoglio, voglia di prevalere e cose simili devono rimanere a CASA …
Il jiu jitsu è uno sport che può rivelarsi un lupo vestito da pecora. Spesso si sente parlare di armonia e aspetto giocoso in merito alle discipline di sottomissione … questo forse per l’assenza di percussioni? SBAGLIATO! Il fatto di non andare KO è garanzia di tranquillità? SBAGLIATO!
Il jiu jitsu non è un gioco e quando ci si allena bisogna essere umili e ATTENTI.
“Giocare” con le proprie articolazioni e quelle degli altri può essere VERAMENTE pericoloso, quindi quando lottiamo in palestra cerchiamo di essere tecnici, armonici e, soprattutto, non premiamo sull’acceleratore.
Ragazzi state siate maturi quando vi allenate …
Qui di seguito posto un video decisamente “forte”, questa drammatica situazione di cui, me ne scuso, ignoro le conseguenze poteva essere evitata.



La persona che stava in guardia chiusa (sotto per i non praticati) ha insistito nella ricerca del ribaltamento mantenendo le game chiuse, il lottatore in piedi nell’evitare il “raspado” si è letteralmente seduto sull’avversario causando la curvatura innaturale della colonna vertebrale … il video parla da solo.
I due atleti in questione sono due cinture nere, quindi si “presume” (e sono sarcastico) che conoscano un minimo di bio-meccanica e il primo poteva immaginare che la situazione stava prendendo una “brutta piega” il secondo si sarà sicuramente reso conto che gli stava spezzando la schiena …

Queste sono invece le conseguenze di una leva tirata, a mio avviso, senza dare il tempo di battere...


Ragazzi PRATICHIAMO la lotta con coscienza … le scuse nel 99% sono parole inutili.
Io sono una cintura marrone … non sapete quante volte batto in allenamento anche con le cinture bianche…
Questo è un validissimo esempio di lotta in palestra

BJ Penn e Leo Vieira sono due mostri sacri nel bjj, professionisti che con la loro immagine e i loro risultati ci campano… hanno lottato con tranquillità davanti a persone e una telecamera …

sabato 13 marzo 2010

Inside Nova Invicta: Episodio 1 "Christian Ceccarelli"

Avvertenza prima li leggere premere il pulsante play...




Christian Ceccarelli…

Nato il 24 dicembre 1990 a Salerno da Antonio Ceccarelli e la signora Ceccarelli (di cui ignoriamo il nome).
Già in tenera età il piccolo Christian dava segni di “somma rincoglionitaggine” tardando anche le poppate ed esclamando commenti del tipo “GRANDE!” dopo essersi pulito il sedere con l’asciugamani di “masto” Antonio…
Nonostante le amorevoli (e meritatissime) mazzate generosamente somministrate da genitori, vicini di casa, parenti vicini e lontani, con il crescere l’omuncolo mostrava un certo interesse verso i video giochi … in particolare i “WUARGAMES”, quindi niente cavalluccio rosso(nd. Così parlò Bellavista)…
Tale passione portava il piccolo Ceccarelli a non praticare sport alcuno fino all’età di 19 anni dove, come ogni “NERD” che si rispetti, si “innamorava” dell’ UFC… scoperto l’ottagono, sempre come ogni “NERD” del cazzo che si rispetti, lascia il suo PC e le sue console a casa (in ordine partendo da sinistra, PC PSX PS2 PS3 XBOC360… la WII manca perché a detta sua gli fa troppo schifo!) e si presente con puntuale ritardo (questa diverrà sua caratteristica nonché marchio di fabbrica) al rinomato canile Nova Invicta con la voglia di diventare un Ultimate Fighter…
Spiegatogli che non si diventa lottatori dell’UFC da un giorno all’altro, il ragazzetto (dalla spropositata circonferenza cranica) capisce che deve imparare il Jiu Jitsu e sotto le”amorevoli”cure del veterano Nikola Todorov si butta anima e corpo in questa avventura. In pochi mesi di pratica (ha iniziato a ottobre) ha già partecipato a tre competizioni di Grappling, si è rotto un gomito a dicembre, si è sanato il gomito” rotto a dicembre”, si è beccato il nick di fantasmino, mi ha fatto incazzare una cinquantina di volte, non è mai stato puntuale (tranne nell’essere sempre l’ultimo a vestirsi!), si è beccato DUE tacchette nere sulla cintura bianca…


prossimamente "Mai dire Americo"...

Piccolo documentario sul Grappling...

martedì 9 marzo 2010

3° CAMPIONATO ITALIANO DI GRAPPLING 18/04/2010



Domenica 18 aprile 2010, presso il Palazzetto dello Sport di Santa Marinella (provincia di Roma), si svolgerà il 3° Campionato Italiano di Grappling.
Alla competizione, maschile e femminile, potranno partecipare solo gli Atleti in possesso della cittadinanza italiana e maggiori di 16 anni.
Gli Atleti in base alla loro esperienza nella disciplina potranno iscriversi al torneo di 1°, di 2° o di 3° serie. Il torneo di 3° serie è consigliato agli atleti che praticano Grappling o altro sport di lotta da meno di un anno e alle cinture bianche di BJJ; il torneo di 2° serie è consigliato agli atleti che praticano Grappling o altro sport di lotta da più di un anno ma da meno di 3 anni e alle cinture blu di BJJ; il torneo di 1° serie è consigliato agli atleti che praticano Grappling o altro sport di lotta da più di 3 anni e alle cinture viola, marroni e nere di BJJ).
Come previsto dal nuovo regolamento internazionale FILA, ogni Atleta dovrà avere una rash guard rossa e una blu; per chi ne fosse sprovvisto sarà possibile acquistarle in sede di gara.
Gli atleti potranno scegliere se effettuare il controllo del peso il giorno della gara o il giorno precedente.
Per partecipare alla competizione sarà necessaria l’affiliazione della Società o Associazione Sportiva e il tesseramento degli atleti alla FIGR.

domenica 7 marzo 2010

giovedì 4 marzo 2010

Rome Open Cup 2010!



Per maggiori informazioni consultare il post sul sito del Team Olegario Napoli o scrivere direttamente a Luca Anacoreta lucanacoreta@hotmail.it

Uagliù so mazzate... e mi sa mi sa che faccio un rientro dal pensionamento!

orario anno 2017-2018 Come sempre a San Mango Piemonte, presso la palestra di lotta… ad un minuto dall’uscita dell’autostrada “San Mango P...