martedì 19 aprile 2016

7° Campionato Italiano di MMA Figmma... Jiu Jitsu, questo sconosciuto.

La Domenica del 17 aprile ci ha visti impegnati nella settima edizione del campionato nazionale di MMA targato Figmma.

Per la Nova Invicta Salerno calcano la materassina Martin Fernandez, Nicola Lembo, Alfonso Forlenza e Massimo Caiafa, tutti (o quasi) rei di aver dimenticato di praticare Jiu Jitsu!

Nicola "Nicolinho" Lembo classe C 71 KG.

Il buon Nicolinho dopo l'ottima prestazione al campionato nazionale di Jiu Jitsu nelle cinture bianche parte da Battipaglia dimenticando a casa, accanto al letto, il suo BJJ che, anche se ancora acerbo, non è quello che ha dimostrato domenica. Subisce una proiezione, riesce a ribaltare la situazione ma purtroppo l'avversario perde il caschetto. Gli arbitri stoppano l'azione e fanno ricominciare in piedi, questa volta è Nicola che proietta, MALISSIMO, e si becca una ghigliottina.
Fuori al primo incontro con una prestazione assolutamente priva di convinzione.... un detto tanto in voga tra i lottatori dice "è meglio la lacrima di una sconfitta che la vergogna di non aver lottato", io contesto con veemenza e dico:

"PRIMO, nessuno è obbligato a gareggiare, quindi non c'è vergogna da provare... le dimostrazioni di coraggio nella vita sono ben altre"

"SECONDO, Nicolì... E CHE CAZZ!!!"

Martin Fernandez classe C 71 KG.

Martin rompe le palle tutto il giorno con Johnny Cage (un protagonista del videogioco Mortal Kombat) e giusto per essere coerente si presenta con una veste ispirata al personaggio.
Il nostro dogo argentino, che a 41 anni si cimenta in classe senior, dopo uno scambio in piedi va giù per un colpo, ma si riprende subito e piazza un triangolo che tiene chiuso per più di tre minuti senza però concretizzare l'azione, probabilmente a causa del caschetto e dei paratibia che in alcuni casi possono ostacolare l'efficacia di una finalizzazione. Il match finisce così, con l'avversario che "vince" restando chiuso nel triangolo per tutto il tempo, resistendo senza quasi mai cercare concretamente l'uscita.
Per onestà intellettuale va detto che, se è vero che il rivale ha fatto poco per vincere, da quella posizione Martin poteva ribaltare e/o andare in leva al braccio (volendo citare solo due opzioni basiche!), ma anche il buon Fernandez ha lasciato il Jiu Jitsu a casa.

Alfonso "Yo-Gi" Forlenza classe C 84 KG Oro

Yo-Gi vince il primo incontro per resa e perde il secondo per finalizzazione, girone all'italiana... tutti finalizzano tutti, situazione paradossale che vede tre "campioni nazionali". Sinceramente non mi interessa della medaglia, erano in tre e comunque sarebbe andata Alfonso avrebbe fatto due incontri e anche lui, come gli altri due compagni di merenda, ha lasciato il Jiu Jitsu a casa... e nel caso suo anche l'udito, visto che non ha assolutamente dato ascolto a nessuno dei consigli dall'angolo... e non è la prima volta.

"Don" Massimo Caiafa classe B 84 Kg Argento.

Massimo fa una semi finale PERFETTA, convince in piedi dove piazza colpi puliti e decisi e lo fa anche e a terra, dove difende bene una leva al ginocchio, fa posizionamento e chiude in triangolo. Purtroppo in finale si lascia andare eccessivamente allo striking, sicuramente proficuo visti i punti guadagnati, e si rilassa subendo una proiezione. L'avversario si parcheggia nella guardia di Max, stalla all'inverosimile e con "carezze" (si CAREZZE, perché definirle diversamente sarebbe un offesa a Mario Brega ) prende immeritatamente punti punti su punti.
Il buon massimo, pur dimostrando di essere il migliore, fa argento ma convince e si guadagna di diritto la possibilità di combattere in classe A alla prossima coppa Italia di MMA.

Si torna a casa con due medaglie e l'immeritato supplizio patito dalle mie orecchie attraverso l'ascolto di "immondizia musicale NAPOLETANA" (l'automobile di Nicolinho è pattume acustico allo stato puro), fortunatamente in un momento di ribellione ho beccato gli AC/DC su Virgin Radio che mi hanno dato una bella "bolla d'aria".


Chiudo ringraziando Damiano e Carmelo per averci seguito in trasferta e Graziano che è stato un preziosissimo aiuto, e faccio due considerazioni:

1. con 281 iscritti credo si possa affermare che il settimo campionato nazionale di MMA della FIGMMA sia stata la competizione dilettantistica con maggior affluenza mai registrata in Italia e tra le più importanti a livello europeo.

2. il buon Connor McGregor ha rotto i coglioni(almeno a me!), secondo la mia esperienza da istruttore fa più danni lui con un video che tre mesi di inattività con dieta ipercalorica!!!

Buon Jiu Jitsu a tutti... anche a i discepoli del lato oscuro McGregoriano.




Martin "il dogo" in azione...

Nessun commento: